#qLpercentage {font-family: Montserrat;font-size: 45px;font-weight: 700;font-style: normal;text-transform: uppercase;line-height: 55px;letter-spacing: 2px;color: #ffffff;}
#qLoverlay #qLbar_wrap #dfd-preloader-animation.dfd-preloader-style-1 .inner,#qLoverlay #qLbar_wrap #dfd-preloader-animation.dfd-preloader-style-5 span {border-color: #f42267}#qLoverlay #qLbar_wrap #dfd-preloader-animation.dfd-preloader-style-1 .outer .dash:before,#qLoverlay #qLbar_wrap #dfd-preloader-animation.dfd-preloader-style-2 span,#qLoverlay #qLbar_wrap #dfd-preloader-animation.dfd-preloader-style-3 span,#qLoverlay #qLbar_wrap #dfd-preloader-animation.dfd-preloader-style-4 span.item-one,#qLoverlay #qLbar_wrap #dfd-preloader-animation.dfd-preloader-style-6 span {background: #f42267;}

State tutti a casa!

State tutti a casa 27-11-20

 

A.T.V.A.

 

”State tutti a casa”

si deve rispondere così a tutti i tartufai che ci chiedono se possono andare a tartufi in altri Comuni, ora che la Toscana è diventata “zona rossa”. Con la “zona arancione” almeno si sapeva che era possibile spostarsi dal proprio Comune e andare a tartufi perché la Regione aveva emanato un suo documento ufficiale con il quale veniva specificato che ciò era possibile, purchè con i documenti in regola e con Partita Iva o versamento con Mod.F24.

Così i tartufai venivano considerati “cercatori occasionali” e quindi motivati per “esigenze lavorative”.

Con la Zona Rossa tale soluzione ora non è più valida, e quindi occorre che la Regione emetta un nuovo Atto ufficiale, che ad oggi ancora non esiste. La nostra Associazione, unitamente alle altre Associazioni dei Tartufai Toscani, ha richiesto più volte alla Regione di operare con urgenza in tal senso, considerato che la ricerca del Tartufo Bianco Pregiato (tuber magnatum) scade il 31 Dicembre. Unica risposta è stato il silenzio.

Abbiamo richiesto alla Regione, alle Prefetture, ai vari Comandi Carabinieri Forestali etc. come comportarci, ma le risposte, sempre senza essere scritte, sono state talmente contrastanti, tra il SI e il NO, oppure : aspettiamo che da parte del Governo ci sia un documento certo. Così passa il tempo e nei Comuni dove il Bianco c’è, i tartufai locali fanno piazza pulita e lasceranno solo terra bruciata a noi stranieri.

Allora la domanda sorge spontanea: ma non sarà che tutto questo è fatto apposta?

Arezzo 27/11/20 L’Associazione Tartufai Valli Aretine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sedici − due =

div#stuning-header .dfd-stuning-header-bg-container {background-image: url(https://www.associazionetartufaivalliaretine.it/wp/wp-content/uploads/2017/11/tartufobianco.png);background-size: cover;background-position: center top;background-attachment: scroll;background-repeat: no-repeat;}#stuning-header div.page-title-inner {min-height: 620px;}